Di recente ho trovato grande spunto riflessivo nella cultura orientale. Non voglio sembrare la stereotipata finta esperta del sol levante che in realtà ha visto solo karate kid, ma il fascino della metodologia logica accurata e precisa è sicuramente innegabile.

In poche parole, l’equilibrio apparente rispecchia l’equilibrio interiore. Nascondere il caos per domarlo. Una versione zen del mettere la polvere sotto il tappeto (scusa Giappone, smetto subito di offendere la vostra cultura)

 

 

Cosa possiamo trarre noi, uomini e donne comuni, da questa perla di saggezza? Che è giusto prendere coscienza dei nostri limiti come individui disordinati, ma scegliere logicamente dove riporre il caos. Cominciamo ad applicare quello che abbiamo imparato alle piccole cose? La cucina.

 

Non penso sia citato in nessun testo sacro di qualche eremita, ma lasciatevi consigliare da me, e date uno sguardo alla collezione delle cucine Logica Celata di Valcucine.

L’idea di base anche sfogliando il catalogo è evidente: poco spazio ottimizzato al meglio, tecnica e precisione al servizio dell’ordine.

 

 

Prendiamo un esempio illustre: Il Pensile Aerius è un pensile “leggero come l’aria”, dove il minimalismo e la libertà vengono prima di tutto! Questo particolare pensile presenta un’apertura basculante leggera e silenziosa, dotata di un’anta ultra sottile. Non sono un’esperta, ma le forze coinvolte sono puramente fisiche e non meccaniche; in parole povere zero appariscenti scheletri di metallo che si possono usurare. Solo 2 pezzi legno che si tengono su per magia.

 

 

Ma non fermiamoci al pensile e continuiamo a spiegare il concetto. I veri e propri Piani da Cucina sono esemplificativi, come l’ H10 e l’H14. Spaziosi e ottimizzati, non sono altro che un perfetto quadro di simmetrie, dove ogni elemento è al suo posto. Per trasmettere una sensazione di leggerezza è stato inserito un profilo angolare, con funzione di “scuretto”, che crea uno stacco tra i mobili base della parte inferiore e la massa del piano in pietra. Questo snellisce il profilo, che nasconde il lavabo incassato, discreto ma comunque di grande impatto.  Il piano è disponibile in tre finiture: nero, rame naturale e ottone.

Concludendo vi spingo a fare questa riflessione: se il disordine è inevitabile, nasconderlo in un posto che esige l’ordine lo può trasformare? Per oggi vi ho dato da pensare abbastanza, ma non scervellatevi troppo; se avete dubbi chiedete a Valcucine.

 

2019-05-07T12:15:02+00:00

Leave A Comment